Dieta a basso contenuto di carboidrati

Le diete con una forte restrizione dei carboidrati sono utilizzate più spesso per la perdita di peso e si basano sulla riduzione del consumo di alimenti ad alto indice glicemico . Esistono varie modifiche a queste diete, ma il punto principale si riduce a una forte restrizione dei carboidrati – fino al 30% del contenuto calorico della dieta (fino a 100 g); ad un aumento della proporzione di proteine – 20-30%; e il principale apporto energetico è fornito dai grassi – circa il 50-60% dell’apporto calorico giornaliero. L’esempio più eclatante di dieta low-carb è la dieta Atkins , nelle prime due settimane in cui l’assunzione di carboidrati è limitata a 20 grammi, nelle successive – 50 grammi.

Con una carenza cronica di carboidrati alimentari, la riserva di glicogeno epatico viene utilizzata per mantenere i normali livelli glicemici. In completa assenza di assunzione di carboidrati, le sue riserve si esauriscono dopo 48 ore, accompagnate da una parziale disidratazione. Inoltre, l’ossidazione dei grassi viene attivata per la gluconeogenesi; per fornire il fabbisogno energetico, il fegato e i muscoli metabolizzano gli acidi grassi liberi (FFA), e la loro ossidazione parziale porta alla formazione di corpi chetonici (acetone, acetoacetato, | 3-idrossibutirrato), che possono essere utilizzati come combustibile da tutti i tessuti contenenti mitocondri . Con una forte restrizione dell’assunzione di carboidrati (meno di 50 g al giorno), si sviluppa la chetosi.

Attualmente non ci sono dati da studi sull’uso a lungo termine (più di 12 mesi) di diete a basso contenuto di carboidrati. Ma, secondo i risultati del lavoro scientifico della durata da sei settimane a un anno, l’aderenza a tali diete per sei mesi porta a una serie di cambiamenti benefici nel corpo: una diminuzione del peso corporeo, contenuto di trigliceridi, marcatori del sangue pro-infiammatori; un aumento delle dimensioni delle lipoproteine a bassa densità (LDL), un aumento del livello delle lipoproteine ad alta densità (HDL).

Sullo sfondo di un aumento del contenuto di corpi chetonici, l’appetito viene soppresso, gli indicatori di digiuno e glicemia postprandiale sono significativamente ridotti a causa di una diminuzione della produzione di glucosio epatico e dei livelli di insulina . Un ulteriore fattore che migliora l’effetto dell’insulina può essere l’aumento del livello di leucina, che si osserva con una dieta a basso contenuto di carboidrati con un eccesso di assunzione di proteine. Presi insieme, questi cambiamenti stimolano la formazione di FFA e glicerolo dai trigliceridi depositati. Ma questi cambiamenti sono stati dimostrati solo in studi a breve termine. E confrontando i risultati della perdita di peso sullo sfondo dell’aderenza a diete a basso contenuto di carboidrati e ad alto contenuto di carboidrati per un anno, la perdita di peso corporeo si è rivelata comparabile.

Allo stesso tempo, sono state notate una serie di conseguenze negative di una forte restrizione dei carboidrati alimentari, specialmente negli studi di durata superiore a sei mesi: una diminuzione della massa magra, una diminuzione del contenuto di importanti micronutrienti nel sangue (potassio, calcio , magnesio e ferro) e un aumento del livello di omocisteina, colesterolo LDL e FFA. ; aumento dell’escrezione urinaria di calcio e aumento del rischio di nefrolitiasi. L’assunzione eccessiva di FFA nel fegato, nel tessuto adiposo e nel tessuto muscolare per lungo tempo porta a una ridotta sensibilità all’insulina a livello del recettore. Ciò è particolarmente vero per le diete a basso contenuto di carboidrati e ad alto contenuto di grassi.

La grave restrizione di frutta e verdura e il consumo frequente di alimenti a base di carne aumentano la possibilità di sviluppare varie neoplasie in pazienti con diete a basso contenuto di carboidrati .

Ipertensione arteriosa

Gli studi hanno dimostrato che una dieta a basso contenuto di carboidrati è efficace nell’abbassare i livelli di pressione sanguigna ed è preferita per i pazienti ipertesi .

Perdere peso

Ridurre l’assunzione di carboidrati è un metodo molto più efficace per perdere peso rispetto a una dieta povera di grassi, secondo un ampio studio dell’Università di Harvard. Un’analisi di 53 studi su 67.000 diete ha concluso che coloro che hanno seguito diete a basso contenuto di grassi per un anno erano circa un chilogrammo più pesanti di quelli che hanno seguito diete “a basso contenuto di carboidrati”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *